La mia prossima videocamera sarà un iPhone.

Solo chi è così pazzo da pensare di cambiare il mondo lo cambia davvero.

La mia prossima videocamera sarà un iPhone.

13 Novembre 2017 Mobile Journalism Planet Tech 0

 

Il nuovo iPhone X costa una fucilata, e non è che l’iPhone 8 costi molto meno, proprio da questa considerazione ho cominciato a pensare come giustificare una spesa simile.
Li chiamiamo smartphone perché discendono del telefonino (phone), sono diventati intelligenti (smart) e oltre a chiamare fanno un sacco di altre cose.
Ma forse questo andava bene per i primi modelli, quelli in cui il telefonare era ancora la parte predominante dell’oggetto in questione.
A pochi mesi dal 2018 siamo ancora convinti che questi device siano oggetti che nati per telefonare fanno poi tante altre cose? Oppure sono degli oggetti che tra le tante cose telefonano anche?

Da qui ho capito che i nuovi iPhone (ma anche molti altri modelli Android) non hanno dei prezzi spropositati o fuori controllo, ma semplicemente non sono più da considerarsi l’evoluzione del telefonino. E’ come se pensassimo che una casa è troppo cara, perché in fondo non è altro che “un divano con intorno quattro mura”.

Quindi ognuno di noi, troverà o no, il motivo per approcciarsi ad uno di questi ultimi modelli di smartphone. Ognuno avrà il suo buon motivo, la caratteristica che lo renderà di volta in volta l’oggetto personale che prenderà il posto di qualche altro oggetto che usiamo abitualmente per lavoro, sport, tempo libero…
Sarà un tracciatore GPS per correre che calcolerà anche le calorie e tante altre cose se siamo degli sportivi, sarà un registratore multitraccia se siamo dei musicisti collegandoci la nostra chitarra o il nostro sintetizzatore.

Nel mio caso, sarà la mia prossima videocamera.

Ed ecco qui i 10 motivi (X in “romano”) per cui la mia prossima videocamera sarà un iPhone.

10. Registra filmati in 4K
Non me ne farò forse nulla, perché il 4K non lo vede nessuno (al momento), ma per una videocamera basica 4K devo spendere almeno 500-600 euro, e non avrà comunque molte delle caratteristiche che leggerete nei prossimi punti.

9. Stabilizzazione ottica
Dal modello 6S in su la stabilizzazione ottica degli iPhone è diventata qualcosa da far impallidire qualsiasi ottica stabilizzata delle vostre costosissime reflex o mirroless.

8. Audio ambiente pulito e potente
Avete mai provato a fare riprese con l’audio ambiente di telecamere da 1000/2000 euro? Se si, avrete poi buttato tutto via tutto, come è normale che sia. L’audio ambientale delle videocamere fa schifo. Ora prendete un iPhone (dal 6S in su) e poi ne riparliamo. Con l’ausilio di alcuni software si più anche decidere quale microfono ambientale usare e se escluderne alcuni. E se ve lo state chiedendo… sì, l’iPhone ha più di un microfono incorporato.

7. Lunghezza focale, esposizione, zoom ottico…
Gli ultimi modelli, X e 8, hanno delle ottiche (nel caso dell’8 Plus o X parliamo di due ottiche) molto luminose e che grazie ad alcuni software per la ripresa possono essere sfruttate in tutte le caratteristiche classiche di una videocamera: tempo d’esposizione, focale, gestione fluida dello zoom (che se non usate è meglio) e tanto altro.

6. Ci posso attaccare praticamente qualsiasi accessorio
Nonostante la “genialata” di Apple di togliere il jack dell’audio, esistono accessori audio/video praticamente per qualsiasi esigenza. Collegare microfoni XLR, installare luci o faretti, impugnare meglio il nostro device. Prafarasando una vecchia pubblicità Apple, potremmo dire: “esiste un hardware per tutto”.

5. Esiste una App per tutto.
La mia futura videocamera, cioè il mio futuro iPhone, farà cose che le videocamere non possono fare. Potrà con una app trasformarsi in esposimetro, potrà, sempre con una App, diventare una regia multicamera, potrà andare in diretta da ogni parte del mondo grazie ad una semplice app (pure gratuita) e potrà applicare filtri e correzioni colore come nessuna altra videocamera in commercio.

4. Il mio iPhone andrà in posti in cui una videocamera non potrà
Il fatto di essere piccolo, leggero, maneggevole, inseribile in qualsiasi tipo di scocca, porta l’iPhone a poter essere messo in qualsiasi posizione, a poter essere infilato un po’ dappertutto, a poter fare immagini e riprese impensabili o comunque molto complicate da fare con una videocamera classica

3. La mia videocamera del futuro sarà anche una stazione di montaggio
Che sia con un software gratuito oppure con uno dei tanti software professionali a pagamento, la mia futura videocamera, cioè il mio iPhone, si potrà trasformare in una sala di montaggio vero e propria. Montaggio multi traccia, registrazione voice over, effetti sonori, effetti visivi, color correction e da non sottovalutare poi la possibilità di condividere immediatamente con il mondo intero il mio lavoro.

2. Mi basta una tasca per portarlo ovunque
Le dimensioni di un qualsiasi smartphone fanno in modo che possa avere tutta la mia videocamera riposta in una tasca dei pantaloni. Questo lascia spazio ad esempio in uno zainetto (medio piccolo) per tutti gli accessori o per l’attrezzatura audio che mi serve.

1. Ma vuoi mettere quanto è fico?
Infine, ma da non sottovalutare per i feticisti del design… vuoi mettere quanto è figo un iPhone?

Questi sono solo alcuni motivi, tralascio ad esempio la semplicità di poter fare un timelapse, oppure di creare clip corredate di suoni e grafiche con pochi semplici click, scusate tap.

La mia prossima videocamera sarà dunque un iPhone, e voi?
Io sono un Mojoer, un Mobile Journalism, normale che il mio smartphone diventi il mio oggetto di lavoro, la mia videocamera appunto. Voi invece? Il vostro prossimo smartphone cosa andrà a sostituire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *