2 su 2 e avanti con il Clickbaiting.

Solo chi è così pazzo da pensare di cambiare il mondo lo cambia davvero.

2 su 2 e avanti con il Clickbaiting.

23 Maggio 2019 Around me 0

Quelli che troverete qui sotto sono due video, pubblicati nella stessa giornata (il 23 Maggio 2019) sul sito de La Stampa, nella colonna di destra dedicati ai video.
Due titoli che non possono non far cliccare, due titoli però che non raccontano la verità. Due titoli degni del peggior spot pubblicitario di Saul Goodman (L’avvocato di “Better Call Soul” e “Breaking Bad”).
Eccoli qui sotto

https://www.lastampa.it/2019/05/22/societa/un-cane-si-lancia-fuori-da-un-camper-rubato-prima-che-il-mezzo-si-schianti-EQczdVdjJP9NOvck4JcVgJ/pagina.html

https://www.lastampa.it/2019/05/23/spettacoli/tarantino-si-infuria-con-la-reporter-a-cannes-sfila-con-la-neo-sposa-enne-WhSsFTphD2bO9bHrcBVRKN/pagina.html

Quello che colpisce è che in nessuno dei due casi i titoli sono reali e raccontano la verità sul contenuto del pezzo.

In sostanza, il cane non si getta dal Camper poco prima dello schianto, lo si vede ancora in posizione mentre il camper di schianta contro la macchina. Nel secondo caso, Quentin Tarantino non si infuria in nessun modo, risponde anzi in modo pacato (ma seccato) alla domanda della giornalista.

Insomma alla fine l’obiettivo è stato raggiunto, io ho fatto click, e come un fesso sto dicendo di fare click anche a voi.

Dico solo che se anche LaStampa.it (che fino ad ora credevo un giornale serio) si mette a fare clickbaiting voglio proprio capire dove finirà il giornalismo italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *